Balneari, l’Italia risponde alla Ue: “Collaborazione per riordino settore”

Al momento stai visualizzando Balneari, l’Italia risponde alla Ue: “Collaborazione per riordino settore”

Il Governo italiano ha risposto a Bruxelles in risposta alle osservazioni formulate dalla Commissione europea con il parere motivato. Nel documento, composto da 17 pagine e accompagnato da una tabella sulla situazione delle singole regioni, l’Italia conferma la piena disponibilità delle competenti autorità nazionali a continuare il dialogo e la collaborazione con la Commissione europea.

La richiesta principale dell’Italia è di ottenere più tempo per definire i criteri che porteranno a stabilire cosa si intende per ‘scarsità di risorsa’, in particolare in relazione alla costa disponibile. Tale principio è fondamentale per l’attuazione delle gare per le concessioni, seguendo la direttiva Bolkenstein. La risposta sottolinea che, considerato il quadro giurisprudenziale incerto e frammentato, è essenziale completare l’attività istruttoria sulla scarsità della risorsa prima di procedere con il riordino del settore.

L’Italia propone di continuare, in collaborazione con la Commissione europea e gli enti territoriali, l’attività di definizione dei criteri tecnici per determinare la scarsità della risorsa naturale. Solo sulla base degli esiti di questa ricognizione, in accordo con la Commissione e gli enti territoriali, sarà possibile riordinare organicamente e strutturalmente il settore.

La risposta indica anche i tempi per gli ulteriori approfondimenti: quattro mesi dalla data di invio della risposta per concludere un primo confronto con la Conferenza unificata riguardo alla determinazione dei criteri e ai relativi indirizzi di riordino del settore. Successivamente, si propone di sottoporre alla Commissione europea i risultati dell’attività istruttoria e consultiva, per poi procedere all’adozione dei provvedimenti normativi di riordino del settore.

Si specifica che il lavoro di mappatura delle coste avviato dal Tavolo tecnico deve ancora essere completato, e l’indicazione del 33% di coste occupate da concessioni è considerata preliminare e non conclusiva dell’istruttoria sulla scarsità della risorsa.

Questo articolo ha un commento

  1. Ranieri

    Basta Bolkestein. Così come è farebbe MORIRE MIGLIAIA DI PMI. Deve essere rimodulata ai tempi attuali e vanno escluse le categorie di PMI che non possono essere messe IN CONCORRENZA con le MULTINAZIONALI. La concorrenza esiste già ed è feroce, con le regole che il mercato impone. Questa voglia di togliere le imprese a chi le ha create è una cosa da mafiosi e/o “sicari dell’economia moderna”

Lascia un commento