Politiche 2022: Gino Stella altro balneare candidato, con Noi Moderati nel collegio plurinominale Lazio 2-01 per la Camera dei Deputati

Al momento stai visualizzando Politiche 2022: Gino Stella altro balneare candidato, con Noi Moderati nel collegio plurinominale Lazio 2-01 per la Camera dei Deputati

 

Dopo gli ultimi adempimenti burocratici e la presentazione, ieri, delle liste per le elezioni politiche del 25 settembre, è ufficiale la presenza alla seconda posizione della lista Noi Moderati per la Camera dei Deputati nel collegio plurinominale Lazio 2 – 01, che comprende la zona definita dai tre collegi uninominali Lazio 2 – 01 (Viterbo), Lazio 2 – 02 (Civitavecchia) e Lazio 2 – 03 (Rieti).

Tarquiniese di 37 anni, residente a Tuscania, imprenditore con attività nel settore balneare, del commercio e della ristorazione, Stella ha avuto esperienze politiche a livello comunale e provinciale, sempre in area Unione di Centro: ora quest’esperienza alle elezioni politiche con la neonata coalizione di centro formata da Noi con l’Italia, Coraggio Italia, Italia al Centro con Toti e, appunto, UDC, a sostegno della colazione di centro destra.

Nel listino, Stella è il primo dei candidati alle spalle della capofila, la senatrice Paola Binetti, capofila anche a Torino e in lizza all’uninominale nel collegio di Bressanone.

“Inizia per me un’esperienza a cui mi dedicherò con massimo impegno e totale disponibilità, soprattutto di ascolto – le prime parole di Stella – tanto delle realtà del territorio quanto di quelle componenti della società attuale che vivono momenti difficili e che paiono abbandonato dallo Stato o dalla politica. Quindi, oltre ai temi cardine del programma UDC, vale a dire famiglia, lavoro e istruzione, è mio desiderio dare ascolto e voce a realtà che sento vicine come quella dei balneari, ragionando su proposte per mitigare l’impatto dell’inevitabile applicazione della Bolkestein, e delle piccole imprese e attività, vero motore fiscale e occupazionale di questo paese, lasciato in balia della crisi senza che lo Stato abbia pensato ad applicare soluzioni che, invece, ci sono eccome! In queste settimane, avremo modo di parlarne e proporre ricette realistiche, concrete e immediate.”

Lascia un commento