Balneari: FdI, comuni estendano concessioni fino a dicembre 2024

Al momento stai visualizzando Balneari: FdI, comuni estendano concessioni fino a dicembre 2024

“La tutela delle nostre imprese balneari è da sempre una priorità per Fratelli d’Italia e per il governo Meloni. A tal fine e per la prima volta, nei mesi scorsi è stata realizzata una mappatura delle coste, che ha consentito di valutare, come indicato dall’ultima sentenza della Corte di Giustizia Ue, il requisito della scarsità della risorsa naturale, imprescindibile per l’applicazione della direttiva Bolkestein. In questi giorni poi si sta accelerando l’interlocuzione tra il governo italiano e la Commissione europea, al fine di definire una normativa condivisa, che disciplini la materia delle concessioni demaniali ad uso turistico ricreativo, senza ulteriori incertezze interpretative e applicative. Nel frattempo, tra le varie pronunce intervenute, quella recente della Corte di Cassazione a sezioni riunite ha rimesso in discussione una delle sentenze del Consiglio di Stato in adunanza plenaria del Novembre 2021, riconoscendo altresì il legittimo operato del Parlamento e del Governo. In conseguenza di ciò, ad oggi ai Comuni spetta quindi riconoscere che i titoli concessori hanno validità fino al 31.12.2024, in attesa della normativa definitiva che ponga fine alla procedura di infrazione e dia finalmente certezza agli operatori, espressione di quella tipicità di immagine e impresa tutta italiana che è sempre stato la nostra priorità tutelare”. È quanto dichiarano in una nota Gianluca Caramanna, deputato e responsabile nazionale turismo di FdI, Riccardo Zucconi, segretario di presidenza della Camera, e Carlo Fidanza, Capodelegazione di FdI al Parlamento Europeo.

Lascia un commento