Convegno Sib a Loano 2 Village“Concessioni Demaniali Marittime: come orientarsi e preparare il futuro”

Giovedì 28 ottobre alle ore 15,00, presso il Centro Congressi di Loano 2 Village il Sindacato Italiano Balneari terrà il convegno: “Concessioni Demaniali Marittime: come orientarsi e preparare il futuro”.
Aprirà i lavori Enrico Schiappapietra, Vicepresidente Nazionale del Sindacato e sono previsti interventi di autorità ed esperti del settore. Saranno presenti il Presidente Nazionale del SIB Antonio Capacchione, il Consigliere Regionale Angelo Vaccarezza mentre il Presidente del Flag Gruppo di Azione Costiera di Savona Paolo Ripamonti sarà collegato in remoto.

«Tanta l’attesa tra gli associati dopo che la mappatura delle coste ha certificato che ben il 67% del litorale della penisola è libero da concessioni. Da troppo tempo la famigerata Bolkestein è una spada di damocle su tutto il settore e sta bloccando gli investimenti che sarebbero necessari per mantenere le attività al passo con i tempi. In attesa del pronunciamento del Governo e all’indomani dell’udienza presso la Corte Suprema di Cassazione a Sezioni Unite sul ricorso presentato dal Sindacato Italiano Balneari, sarà l’occasione per fare il punto sulla situazione e pianificare i prossimi passi che porteranno alla nuova regolamentazione delle concessioni marittime.»

Sib e Fiba si appellano a Meloni: “Occorre intervento del Governo”

Le due sigle scrivono al presidente del consiglio per sollecitare un intervento urgente del Governo volto a stoppare con un provvedimento le fughe in avanti di alcuni comuni pronti ad indire i bandi per la riassegnazione delle concessioni in scadenza al 3 ottobre 2023 come previsto dalle sentenze gemelle della Plenaria del Consiglio di Stato.

Le scriventi Organizzazioni maggiormente rappresentative dei balneari italiani con la presente sono ad evidenziarle lo stato di profonda preoccupazione del settore per la mancata soluzione della problematica relativa alla durata delle concessioni demaniali marittime

E’ una questione che Lei conosce perfettamente per essere stata in questi anni sempre in prima linea a sostegno delle ragioni delle decine di migliaia di imprese balneari italiane.

Non dobbiamo pertanto spiegarle quanto la balneazione attrezzata italiana sia importante non solo per l’economia ma persino per l’identità del nostro Paese.

Sono certamente di aiuto le conclusioni del Tavolo Tecnico consultivo istituito per l’accertamento della cd “scarsità della risorsa”, presupposto per la corretta applicazione della cd Direttiva Bolkestein. Si tratta adesso di trarne, con urgenza, le conseguenze giuridiche e normative.

Siamo costretti infatti ad evidenziare il rischio concreto e reale che, in assenza di immediati provvedimenti normativi chiarificatori, la situazione già grave, per lo stato di incertezza sul futuro aziendale, possa addirittura peggiorare per il tentativo di alcuni Enti concedenti (Comuni e Autorità di Sistema Portuale) di mettere a gara le aziende attualmente operanti.

Urge pertanto un intervento normativo o, comunque, l’emanazione di provvedimenti amministrativi che evitino una gestione confusa e caotica delle funzioni amministrative in materia che rischiano di danneggiare o distruggere un importante settore economico perfettamente efficiente e di successo.

Certi del Suo impegno Le chiediamo un incontro per meglio rappresentare e illustrare la gravità della situazione e l’urgenza di un intervento normativo risolutivo.