Sentenza Corte Ue su espropri non rispetta il lavoro di 30 mila imprenditori e mette a rischio intero settore

Minacciato il diritto di proprietà

A rischio gli investimenti per la qualità dei servizi turistici estivi, grave impatto per le economie territoriali

L’industria balneare genera un indotto di 2,4 volte in Italia

Appello al Governo per un intervento immediato a tutela del settore

La Base Balneare con Donnedamare e Assobalneari Italia aderente a Federturismo Confindustria esprimono sconcerto e preoccupazione per le conseguenze della sentenza odierna della Corte di Giustizia dell’Unione Europea che ha dichiarato legittimi gli espropri balneari al termine delle concessioni. La decisione, che considera la norma italiana conforme alla libertà di stabilimento, solleva serie criticità economiche, giuridiche e pratiche.
Una sentenza che distrugge l’eccellenza turistica italiana
Le oltre 30 mila imprese balneari hanno investito negli anni notevoli risorse nella costruzione e manutenzione delle strutture sulle spiagge e oggi questa eccellenza è riconosciuta dal numero di Bandiere Blu ottenute dai comuni italiani, ai vertici in Europa. La prospettiva di perdere tali investimenti senza alcuna compensazione mette in discussione la capacità e la volontà di investire a fronte della minaccia di non vedere riconosciuti tali investimenti al termine della concessione. Questo porterà ad una diminuzione della qualità delle strutture balneari e dei servizi turistici, a un calo delle presenze turistiche anche straniere nel nostro Paese, a pesanti ricadute negative sull’economia locale e ad un possibile aumento del contenzioso tra le imprese balneari e lo Stato italiano, con costi legali e amministrativi significativi.

Un dato su tutti per evidenziare il valore generato da questo settore: da uno studio condotto e coordinato dal Professor Daniele Marini dell’Università di Padova che sarà pubblicato nelle prossime settimane emerge che per ogni euro speso in uno stabilimento balneare si genera un valore di 2,46 euro in Italia.
Diritti di proprietà calpestati
In aggiunta, questa sentenza prefigura una violazione dei diritti di proprietà, trattandosi di una forma di esproprio senza indennizzo, in contrasto con i principi generali di tutela della proprietà garantiti dal nostro ordinamento giuridico.
Il governo intervenga immediatamente
Assobalneari Italia aderente a Federturismo Confindustria e La Base Balneare con Donnedamare lanciano un appello al Governo Meloni, ricordando l’impegno di FdI e dell’attuale esecutivo a sostenere un’eccellenza del Made in Italy che dà lavoro a 300 mila addetti, e sottolineano l’urgenza di una riflessione più approfondita e di interventi normativi adeguati per mitigare gli effetti negativi di questa decisione. È fondamentale garantire un equilibrio tra gli interessi pubblici e quelli degli operatori economici, salvaguardando i diritti di proprietà e promuovendo un ambiente favorevole agli investimenti.

“La sentenza odierna mette a rischio la libertà d’impresa nel contesto giuridico dell’Unione Europea e rappresenta un grave precedente che mette in discussione la libertà d’impresa in Italia. Gli imprenditori di qualunque settore e dimensione hanno bisogno di certezze normative in un contesto quale quello attuale, in cui devono fare i conti già con incertezze economiche e politiche. Lasciare che questa sentenza colpisca il settore balneare in Italia significa fare in modo che dei tecnocrati di Bruxelles determinino le sorti dell’economia italiana. È inaccettabile e chiediamo al Governo di intervenire immediatamente.” hanno dichiarato i Presidenti di La Base Balneare con Donnedamare e Assobalneari Italia aderente a Federturismo Confindustria.

Balneari, Licordari: “Ben venga l’impugnativa in Corte Costituzionale delle recenti sentenze del Consiglio di Stato”

Iniziativa fa chiarezza non solo per i balneari ma tutela i diritti di tutti i cittadini

ROMA, 27 maggio 2024 – In riferimento alla notizia riportata oggi da alcuni organi di stampa relativa alla proposta di impugnare le recenti sentenze del Consiglio di Stato in merito alla legittimità delle concessioni balneari, i presidenti di Assobalneari Italia Aderenti a Federturismo Confindustria Fabrizio Licordari e La Base Balneare con Donnedamare Bettina Bolla, hanno commentato: “Accogliamo con favore l’intenzione di impugnare davanti alla Corte Costituzionale le recenti sentenze del Consiglio di Stato, perché da una parte viene riaffermato il ruolo preponderante del potere legislativo rispetto a quello giudiziario e dall’altra si mira a far chiarezza e a tutelare i diritti non solo dei balneari, ma di tutte le categorie di lavoratori gettati nell’incertezza da questo modo di operare e da queste sentenze.”

“Vi è una chiara autonomia del parlamento e del governo nel legiferare, e nel discutere con l’Europa in merito alla mappatura quantitativa proposta, essenziale per definire la corretta applicazione della direttiva Bolkestein. Assurdo che il Consiglio di Stato mini questa autonomia che oggi riguarda i balenari, ma che può riguardare qualsiasi tema che il paese deve affrontare. È una questione di democrazia e di rispetto delle prerogative costituzionali che vanno difese in maniera coesa a prescindere dal colore politico e dall’opinione che si ha sui balneari.” hanno concluso.